ASIA/COREA DEL SUD - I cristiani: un rinnovato impegno per la pace nella penisola coreana

Rated: , 0 Comments
Total hits: 19
Posted on: 03/08/18
Seul - Leader religiosi, operatori sociali, attivisti per i diritti umani, responsabili delle organizzazioni della società civile rinnovano il loro impegno per la pace nella penisola coreana: è uno dei messaggi sottolineati alla “Conferenza internazionale sulla pace nella penisola coreana” che si è tenuta nei giorni scorsi a Seul. Come appreso dall'Agenzia Fides, durante la Conferenza si è ribadito che la questione della pace, abbinata a giustizia e sicurezza, è oggi una delle maggiori preoccupazioni in Asia nel contesto geopolitico emergente. La crescente militarizzazione rappresenta una minaccia alla sicurezza e alla coesistenza pacifica in questa regione.
Intervenendo alla Conferenza, Mathews George Chunakara, Segretario generale della Conferenza cristiana dell'Asia , parlando sul tema “Pace e sicurezza nell'Asia orientale: trasformare le divisioni e andare oltre i conflitti”, ha detto che la nuova iniziativa strategica lanciata dagli Stati Uniti, nota come “Pivot to Asia”, è una delle principali fonti di tensione nella regione.
In quella regione asiatica vi sono sette delle dieci più grandi forze armate del mondo e cinque dei sette trattati di difesa reciproca adottati dagli Stati Uniti . Gli Stati Uniti, ha rimarcato Chunakara, ora stanno esplicitamente orientando la propria attenzione strategica sull'Asia: questo avrà ripercussioni più ampie sulle questioni di sicurezza strategica dell'Asia e sulle tensioni politiche.
Il leader cristiano ha detto: “Mentre persone e comunità in varie parti dell'Asia lottano costantemente per la pace, la giustizia e la sicurezza, le Chiese in Asia hanno il compito di essere partner attivi nella costruzione di comunità di pace, mirando a promuovere la pienezza della vita. In questo contesto la Conferenza cristiana dell'Asia si concentrerà sull'assistenza alle Chiese locali, per analizzare le situazioni di conflitto e sviluppare metodologie proattive per partecipare alla costruzione della pace. Si terranno anche consultazioni interreligiose e dialoghi per sensibilizzare e facilitare l'azione comune attraverso piattaforme interreligiose".
La costruzione della pace in un mondo globalizzato e interdipendente è una responsabilità condivisa degli stati sovrani, delle Nazioni Unite e dei gruppi della società civile, e anche dalla Chiese, ha sottolineato Chunakara: “I cristiani sono chiamati a essere pacificatori e a dare una testimonianza di fede”. Rimarcando che le Chiese cristiane di tutte le confessioni hanno una responsabilità specifica nel lavorare insieme per la pace e la riconciliazione nella penisola coreana, il leader ha invitato a coltivare "stretta collaborazione e relazioni trasparenti", con un occhio particolare ai cristiani presenti in Nord Corea.
I partecipanti alla Conferenza si sono impegnati a incarnare "lo spirito di coraggio, cura, comunicazione, confessione, riconciliazione e impegno per la pace", soprattutto coinvolgendo in quest'opera le giovani generazioni nella Corea del Nord e del Sud. La Conferenza cristiana dell'Asia, per parte sua, si farà promotrice presso i governi di Seul e Pyongyang di nuove iniziative per la costruzione della pace nella penisola coreana.

>>

Comments
There are still no comments posted ...
Rate and post your comment

Most Popular

cheapest fifa 16 coins is right there for you
It might have been unrealistic to expect extensive club team support, or a more comprehensive international game, but what’s there ... ...





Login


Username:
Password:

forgotten password?